Tag Special di fausto bisantis

C’era una volta un luogo, dove la contemplazione e la preservazione della natura erano l’unica legge; il luogo è Savuci e ora sta tornando a vivere, grazie alla volontà di anime diverse.

Una di esse è Francesco Scicchitano, presidente dell’Associazione “Effetto Stendhal”, che ci racconta quest’avventura

 Il progetto nasce grazie a un bando del Comune di Fossato Serralta, nel 2013, per l’assegnazione delle case ad associazioni e operatori culturali.  Io, insieme ad alcuni amici e artisti, ho individuato le potenzialità di questo borgo, che per anni è stato abbandonato, per coltivare un sogno: creare un villaggio dell’arte.

I passaggi e cambiamenti sono stati tanti e solo i più tenaci hanno deciso di provare. C’è stata una lunga fase, ancora in corso, di pulitura e riqualificazione del borgo.

 L’associazione “Effetto Stendhal” da me presieduta, la mia compagna Rosa Rumolo, giovane artista e orafa salernitana, l’associazione “Il Mantello” di Lucio Bramato e anche singoli professionisti, tra cui Francesco Stranieri che si occupa della promozione del borgo, tessendo ottime relazioni con diverse realtà artistiche in tutta la provincia.

Abbiamo trovato una grande sinergia e accoglienza con gli abitanti di Fossato e la frazione di Maranise, stringendo una collaborazione attiva sul territorio.

Prima di esporre loro il progetto, volevamo essere sicuri dei passi che facevamo, senza procedere a vere ristrutturazioni, ma con l’intento di abbellire e dare nuova linfa a un luogo fantasma.

Abbiamo previsto una data simbolica di nascita che sarà il 21 marzo, durante l’equinozio di primavera, in modo da arrivare alla conclusione di una lunga serie di lavori: dalla costruzione di percorsi in pietra, agli orti, fino alla realizzazione di piccoli murales sui muri. L’anteprima è prevista durante le vacanze di Natale, quando Savuci sarà abbellita da una serie di Luminarie creative, realizzate da Rosa con materiali di riciclo e forniti dagli abitanti della zona; si tratta di fiori di vari colori, sul modello delle luminarie di Salerno. Sotto un tappeto di colori e musiche di sottofondo, verrà inaugurata la “Casa Museo Effetto Stendhal”,  con la presentazione di 14 opere inedite della mia collezione privata dell’artista brasiliano Davi De Melo Santos, che raccontano la prima fase di un artista ormai rinomato a livello mondiale ed esponente di primo livello alla Biennale di Sao Paulo, il quale per diversi anni ha vissuto e lavorato a Catanzaro.

In più l’associazione “il Mantello” attiverà un centro d’ascolto e sostegno per gli anziani e consulenza lavorativa per indigenti ed extracomunitari.

Ci aspettiamo una forte partecipazione dall’intera provincia, avendo stretto contatti con tante realtà di Catanzaro e Lamezia; lo scopo è di creare una rete stabile tra le diverse entità del territorio che qui potranno trovare uno spazio dove creare. Immaginiamo una “Nuova Atlantide” aperta a tutti, dove investire le risorse in arte, cultura e spirito e realizzare quella “fervida fantasia” di cui parlava l’antropologo Vito Teti, e renderla una realtà.

Share.

About Author

Leave A Reply