Tag Arte di antonello migliaccio

Catanzaro Design Week è giunta alla seconda edizione e si è svolta, come di consueto, nei locali del Complesso Monumentale del S.Giovanni.

MATERIA Independent Design Festival (questo il titolo della seconda edizione) si propone l’obiettivo di promuovere la progettazione e la creatività che distinguono il design.

Sono stati quattro giorni, dal 14 al 17 settembre, curiosi e stimolanti; l’edizione ha presentato mescolanze e contaminazioni di genere, dai workshops ai talks, agli happenings con aperitivo e musica, fino a installazioni artistiche e alla vetrina dei designers partecipanti.

L’afflusso di visitatori è stato pressoché costante – i dati riportano circa 8000 presenze distribuite nell’arco dei quattro giorni – e le possibilità di intercettazione tra i designers e le aziende sponsors, gli artigiani locali e gli artisti internazionali si sono moltiplicate.

Altrettanto positiva è stata la risposta della cittadinanza.

Ho osservato con curiosità l’esperimento di Massimo Sirelli con il progetto “La mia faccia è come la tua”, che ha coinvolto il pubblico e stimolato la creatività dei più giovani.

Di grande impatto alcune proposte di interior design, fra tutte due: Zimbabwe wood table dei due giovani architetti Paola e Gabriele Paravati e Oplamp di Sapiensdesign, i.e. Alessandro Mattia e Gloria Gianatti, entrambi designers provenienti dal Politecnico di Milano.

Una menzione speciale al progetto Cumula di Imma Matera, una serie di souvenirs in ceramica smaltata e faggio trattato che riproducono i comignoli dei Sassi di Matera, un’operazione di interior design che occhieggia all’opera d’arte, dotata di significato emozionale bastevole a fornirle una “marcia in più”.

Nel complesso, questa edizione risulta arricchita e poliedrica rispetto alla precedente dello scorso anno.  C’è da sperare, quindi, che si raccolgano ancora più frutti il prossimo anno, vista anche la visibilità a livello nazionale che ha suscitato questa Design Week Catanzaro.

Share.

About Author

Leave A Reply